F1 Addiction

Sebastian Vettel: al contratto penserò durante la pausa estiva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il pilota tedesco afferma che incomincerà a pensare al proprio futuro solamente durante il break estivo.

Sebastian Vettel non vuole distrazioni di alcun tipo e preferisce stare concentrato sul campionato piuttosto che incominciare a pensare al rinnovo del contratto, che scade al termine del 2017.

Nel corso dell’inverno ricordiamo che si era parlato, senza avere, tuttavia, conferme di alcun tipo, di qualche accordo pre-contrattuale di Seb con la Mercedes per il 2018, ma dopo l’ottimo avvio di campionato e le sorprendenti prestazioni della SF70-H il rinnovo con la Ferrari diventa molto più di una semplice opzione.

A Vettel è stato chiesto quale fosse il termine ultimo per mettere nero su bianco e il tedesco ha così risposto:” Non sapevo ci fosse un termine ultimo, da quel che ne so i contratti entrano in vigore il primo gennaio e si concludono il 31 dicembre, quindi credo che quella sia la data limite per decidere qualcosa.”

“Credo che al momento siamo molto impegnati con il campionato, con parecchie gare racchiuse in un breve lasso di tempo – ha aggiunto – magari ci penseremo in estate, quando avremo più tempo libero.”

In ogni caso Seb ha voluto ribadire che si trova assolutamente a proprio agio all’interno del team: “Mi sento a casa – ha affermato – credo che stiamo lavorato bene e i risultati stanno arrivando. Ormai sono in Ferrari da parecchio tempo e in questo periodo sono cambiate molte cose.”

“Ovviamente questo è un anno molto importante per noi e incominciamo a vedere alcuni dei risultati per i quali abbiamo lavorato molto duramente; le cose stanno andando al loro posto e speriamo che questo sia solo l’inizio e che il meglio debba ancora arrivare.” – conclude Sebastian Vettel.

E per cogliere questo meglio, che tutti stiamo aspettando con ansia, caro Seb, diamo per scontato il rinnovo con la Ferrari, per poter cogliere assieme i successi per i quali tanto hai lavorato assieme a tecnici e ingegneri e scrivere una  nuova pagina di storia automobilistica sotto l’egida del Cavallino Rampante.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *