F1 Addiction

Brawn: Vettel ha sbagliato ma questa è la passione che vogliamo vedere

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ross Brawn afferma che Sebastian Vettel ha sbagliato a reagire a Baku ma il suo comportamento dimostra la passione che nutre per questo sport.

L’ex Direttore tecnico della Ferrari è convinto che Sebastian Vettel abbia reagito in maniera sbagliata ma non si sente di metterlo alla gogna per il fatto di Baku, nella convinzione che il suo comportamento sia dettato dalla grande passione per le corse e dall’adrenalina accumulata in gara,

“Vettel ha fatto qualcosa che non avrebbe dovuto fare ed è stato, per questo, penalizzato – ha affermato l’ingegnere inglese. Sicuramente non è stata un’azione premeditata, ma la conseguenza della grande quantità di adrenalina e della passione che scorre nelle vene di questi ragazzi.”

“Certo, non doveva succedere – continua Brawn – ma tutto ciò mostra la passione che ci mettono nella lotta per il titolo mondiale, questa è la passione che vogliamo vedere. Sebastian avrà modo di riflettere sul suo comportamento e ne trarrà insegnamento: in futuro vogliamo vedere ancora questa passione ma senza arrivare agli estremi di Baku.”

Durante la gara ci sono stati dei momenti caldi e, forse, la percezione di quello che sta succedendo può essere alterata; non credo che Lewis abbia fatto qualcosa di sbagliato e penso che Seb abbia letto male la situazione, cosa comprensibile vista l’intensità della lotta nella quale erano impegnati.” – ha concluso Brawn.

Quindi il direttore sportivo di Liberty Media si aggiunge a coloro che credono che Vettel non sia da condannare troppo duramente per il comportamento di domenica scorsa: ricordiamo, infatti, che in questi giorni, personaggi come Alonso, Button, Villeneuve e Brundle hanno avuto modo di affermare che la Formula 1 dovrebbe voltare pagina e non penalizzare ulteriormente il ferrarista nel giudizio che la FIA ha messo in calendario il 3 luglio prossimo.

Confidiamo, quindi, nel buon senso di chi dovrà decidere se procedere ulteriormente nei confronti del pilota della Ferrari: falsare il campionato del mondo più equilibrato e interessante degli ultimi anni sarebbe un vero delitto, la cosa saggia da fare è lasciare le cose come stanno e che sia la pista a decidere chi avrà l’onore di fregiarsi del titolo di campione del mondo 2017.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *