F1 Addiction

Vettel oggi alla FIA, ma non è un giudizio davanti a un Tribunale

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi Sebastian Vettel non si presenterà davanti a un Tribunale per essere giudicato ma risponderà all’invito della FIA di recarsi a Parigi per chiarire i fatti di Baku.

La convocazione di Vettel, oggi a Parigi, nella sede della Fia di Place de la Concorde, non costituisce un giudizio al comportamento del pilota tedesco nel Gran Premio dell’Azerbaijan ma, solamente, un invito del Presidente Jean Todt a chiarire i fatti di domenica scorsa.

Da quanto si apprende, infatti, il pilota della Ferrari non si presenterà accompagnato dal legale di Maranello perché non è in previsione nessun processo ma, solamente, una riunione della quale non sono ben chiare le possibili conseguenze. Da quel poco che filtra dalla Ferrari, si considera remota la possibilità che Sebastian Vettel possa ricevere una sanzione più severa di quella già scontata nel corso dell’ultimo Gran Premio, per aver urtato la monoposto di Lewis Hamilton.

Quello che è certo è che oggi non potrà essere deciso nulla perché, in caso che Jean Todt chiedesse di prendere ulteriori provvedimenti, l’unico organismo deputato a deliberare le sanzioni a piloti e teams è il Tribunale Sportivo della FIA. Quindi la decisione definitiva potrebbe arrivare, anche, dopo il Gran Premio d’Austria, visto che in seguito alla sentenza il team ha il diritto di ricorrere in appello chiedendo la sospensione della pena fino alla conclusione dell’iter giudiziale.

Il grosso degli appassionati e degli addetti ai lavori auspica, comunque, che prevalga il buon senso e che si decida per una semplice reprimenda al pilota della Ferrari che già ha scontato la propria punizione in gara visto che, notoriamente, non si può essere giudicati due volte per lo stesso fatto, evitando così di andare a falsare la lotta per la conquista di uno dei campionati più appassionanti degli ultimi anni.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Ray_pre

    Nessuno dei due è esente da colpe Vettel poco o tanto che sia, ha pagato Hamilton se è rimasto dietro se la deve prendere
    con i propri meccanici o con se stesso. Sarebbe giusto chiuderla qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *